Torino sul tetto d’Europa per l’innovazione –  “Il luogo dove le idee prendono vita”, prometteva lo slogan con cui Torino ha cercato di raggiungere la vetta europea dell’Innovazione. Missione compiuta. L’8 aprile 2016 la città sabauda è stata proclamata la “numero uno” in Italia, e la “numero due” in Europa dopo Amsterdam, come certificano la Commissione Europea e il Comitato delle Regioni che oggi hanno assegnato il premio iCapital alla metropoli olandese, vincitrice d‘un soffio davanti a Torino che ha preceduto Parigi.  12963847_10156958994170647_298043418168570968_n

Si tratta di un riconoscimento di prestigio, che premia la voglia di futuro delle aree urbane del vecchio continente, una medaglia e anche una opportunità, visto che porta con sé tre assegni rispettivamente da 950 mila, 100 mila e 50 mila euro. Simbolici, ma fino a un certo punto. Sono denari pronti per essere reinvestiti nel domani.

Hanno partecipato trentasei città, ridotte poi a nove, infine a tre. I primi arrivati hanno battuto grossi calibri, capitali come Vienna e Berlino, super università come Eindhoven e Oxford, centri di eccellenza come Glasgow e Milano. A Torino la Commissione ha riconosciuto il merito di aver saputo creare modelli di innovazione aperta che sostengono le start-up nel settore sociale, e per aver creato nuove opportunità nell’innovazione urbana (la vincitrice Amsterdam si è aggiudicata la vittoria per “aver promosso un approccio buttom-up sulla base di una crescita intelligente, start-up, vivibilità ed innovazione sociale digitale”).

Amsterdam, ha sottolineato il commissario dell’Unione Europea per la Ricerca, Carlos Moedas, merita la vittoria per il suo approccio olistico all’innovazione. Nella “Venezia del Nord”, i fattori messi insieme generano un prodotto superiore al valore dei fattori stessi. È la chiave per creare un modo nuovo che, anche a Torino e Parigi, hanno dimostrato di aver imparato ad usare.  business-561388_1920

Torino si trova oggi ai vertici europei dell’innovazione grazie al costante apporto di nuove e brillanti idee e voglia di fare imprenditoria: studenti (e non) visionari, con la voglia di cambiare e rendere la nostra città più accessibile di un tempo. E non dimentichiamoci del fondamentale supporto dato dagli incubatori universitari! I3P, Treatabit e 2I3T hanno indiscutibilmente contribuito al successo della città agli European Capital of Innovation Award e continueranno ad esser di supporto a tutti quei giovani imprenditori che dimostrano di avere un’idea vincente.

Link UE: http://ec.europa.eu/research/innovation-union/index_en.cfm?section=icapital

Commenti dalla Rete

Pin It on Pinterest