Industry Big Event 2.0 – Dalla Crisi alla Ripresa, il cambiamento è una questione di paradigma. Ogni situazione di CRISI nasconde un’opportunità. In un mercato che non concede una grande visibilità le imprese debbono comunque operare per migliorare la propria competitività in maniera tale da essere subito pronte a cogliere il primo segnale di ripresa.

Pentaconsulting, attraverso cinque percorsi di interventi strutturati, ha confezionato un ecosistema sinergico costituito da Servizi, Iniziative e Consulenza di Direzione, per facilitare la capacità di competere in contesti sempre più competitivi e dinamici, caratterizzati da mercati sempre più complessi.

DISRUPTION: EXPONENTIAL vs. LINEAR EVOLUTION – Questo il tema della seconda edizione dell’Industry Big Event che ha messo insieme esperti, guru del settore dell’innovazione e visionari, insieme a manager di aziende spesso concorrenti per raccontare una storia, quella di un’industria in grande cambiamento, pronta a recepire le novità che vengono da diversi settori e convergono per disegnare l’industria del futuro.

In questo contesto, il termine “disruption” ha assunto un’accezione positiva, perché denota la consapevolezza di un mondo che cambia rapidamente, al punto da distruggere l’esistente per creare il nuovo, percepito come positivo.

Il primo intervento del professor Umberto Cugini, Politecnico di Milano, ha focalizzato il tema sull’intercettare i bisogni latenti e cambiare il business model, che oggi è più che mai necessario. Poi stata la volta di Marco Maiocchi, docente del Politecnico di Milano, che ha parlato delle nuove tecnologie, dell’Internet delle Cose.

Massimo Manzari, Ceo e Fondatore di Mind-Mercatis che ha ritratto alcuni possibili percorsi evolutivi, in un mondo che cambia e le cui parole magiche sono globalizzazione” e“ disintermediazione”.

Armando De Crinito, DG Vicario Ricerca e Innovazione di Regione Lombardia, ha presentato e illustrato la piattaforma Open Innovation, una community dedicata a chi desidera fare innovazione all’interno del sistema produttivo e a chi intende essere valorizzato nel proprio rinnovamento con strumenti concreti.

Gerard Litjens, direttore di CIM Data, ha messo a confronto la complessità dei prodotti, sempre crescente, e la contemporanea diminuzione della vita media. La pressione sulla capacità di innovazione è altissima e le opportunità tecnologiche vanno colte e capite. La chiave di volta è quella di una solida strategia PLM.

Franco Megali, VP e MD Italia e MEA di Siemens Industry Software, ha introdotto i grandi temi tecnologici dell’industria 4.0 dall’Internet of Things, al Cloud, al 3D Printing e alla Robotica avanzata.

L’innovazione tecnologica si verifica in modo discontinuo (“disruptive”) e i mercati hanno bisogno di tempo per far propri prodotti tecnologicamente avanzati e cambiare cultura e mentalità: questo è il punto cruciale, secondo Carlo Piccardi, Presales Consultant di Oracle.

Stefano Casazza, Country Manager Eplan Software & Service, lo ribadisce con forza: la quarta rivoluzione industriale è iniziata.

Marco Spada, Training Specialist Beckhoff Automation, ha evidenziato e i concetti che stanno alla base della prossima rivoluzione industriale che sono di fatto la logica conseguenza della convergenza di tecnologie dei settori dell’informatica e della comunicazione con l’automazione dei processi manifatturieri che hanno costruito gli ingredienti del successo delle aziende negli ultimi 30 anni.

Il confronto tra università,aziende e professionisti rappresenta una marcia in più per cogliere ed essere protagonisti della realtà che ci circonda, come ha sostenuto Mauro Faccin, EuromedDirector, Services Business Partner Dassault Systemes, e Industry Big Event 2.0 ne è un lampante esempio.

 

Per seguire con maggiore attenzione i temi e il dibattito sviluppati da Industry Big Event 2.0, qui sotto potrete trovare alcuni link interessanti.
The following two tabs change content below.
Gianluca Orrù è scrittore, giornalista, produttore televisivo. Presidente di Tekla Television, fondata nel 2008, è alla quotidiana ricerca di belle storie da raccontare. Si appassiona di qualsiasi cosa abbia un minimo contenuto tecnologico, artistico, enogastronomico. Tifa per il Made in Italy e gli piacciono le cose difficili.

Commenti dalla Rete

Pin It on Pinterest