Intervista [telefonica] alla fotografa Federica Di Giovanni.

Come inizia la tua giornata? Di solito, se sono a casa, vado a correre. Faccio trecento giri nel solito parco e mi piace ascoltare le conversazioni di chi siede sulle panchine mentre faccio stretching. Se sono al mare, salgo in barca  mi tuffo.

Ci racconti il tuo rapporto con le foto e la fotografia? Da piccola non pensavo affatto di fare la fotografa, anzi mi immaginavo biologa marina o veterinaria: ma la vera verità è che è stato mio padre a trasmettermi questa passione. Come tutte le ragazze degli anni ’80, sono cresciuta con un padre che maneggiava diapositive e macchine fotografiche. C’è una foto simbolo di me che a 2 anni indosso una custodia rigida in spiaggia e, quello scatto, penso sintetizzi bene la mia storia. Ho capito solo dopo tanto tempo quanto sono affine a mio padre e al suo modo di fare, che poi coincide con il mio percorso artistico, se vogliamo. È come se da poco si fosse chiuso il cerchio, come se tutto si fosse messo a fuoco e fosse improvvisamente chiaro, nitido: quasi ovvio.

Raccontaci, sembra un inizio interessante! Bhe, guarda, effettivamente per me lo è: mio padre era un direttore di macchina mercantile e io, fino ad un certo punto della mia vita, credevo corrispondesse a quell’immagine classica di uomo tutto d’un pezzo, spesso fuori casa e lontano dalla famiglia, che fa il suo dovere e che è leader nel suo lavoro, come ci si aspetta che sia un’ufficiale, del resto. Ecco: anche questo lato di mio padre esiste e mi corrisponde, [ma ce lo spiega dopo]: il punto è che io ho scoperto che lui invece voleva essere un giornalista, che la narratività e il punto di vista per lui erano fondamentali e che quando trascorreva il tempo in famiglia e si dedicava ad esempio alle foto era perché gli piaceva moltissimo – e io ho respirato e acquisito inconsciamente questi suoi tratti. Senza rendermene conto l’ho poi sempre emulato.

Quando inizia la tua carriera? Per me inizia con la Marangoni: una scuola-nido che mi ha accolto e cresciuto e che mi ha subito lanciato nel mondo del lavoro. Il livello è subito intimo e altissimo, internazionale e incredibile: in quel momento ho capito l’importanza che per me avrebbe avuto la fotografia, il valore dell’immagine e del progetto. Sono stata molto fortunata perché ho sempre potuto esprimermi come volevo e con naturalezza: senza paura. Quando c’è la fiducia si creano delle magie, così come quando ho debuttato con Sportweek nel Giro d’Italia: ho iniziato come emergente a fianco di fotographer-star. Per me è stato un sogno che tappa dopo tappa si è materializzato nella mia realtà.

Cosa fa di te ti una donna alfa? Ma, io sono molto emotiva e anche molto insicura, ma forse è proprio da qui che riesco poi a reagire e a dominare la timidezza e apparire forte.

Raccontaci del progetto Camping Italia. È un mio figlio naturale, è nato spontaneamente tra il 2009 e il 2010: ho sentito di voler fare un lavoro sull’Italia [in quel momento vivevamo la crisi tra governo Berlusconi poi Monti] e il campeggio in Versilia si è rivelato un condominio senza porte. Uno spaccato perfetto dell’Italia e degli  italiani, che non vogliono lasciare il paese e che dicono di voler vivere la libertà del mare, ma che sono poi rinchiusi dentro a questi camper con le antenne satellitari, tra cipolle fritte e odore di Autan. Un lavoro ironico e contemporaneamente in grado di raccontare, senza filtro, il disagio: perché la vita è surreale.

Il tuo prossimo progetto? Si chiama Isole d’inverno. È il primo progetto molto personale: io sono un’isolana [isola di Ponza], adoro il mare e la vita sull’isola, la pesca e i pescatori, che rispetto e osservo da sempre, e mi sento molto legata a quella sensazione che solo le isole ti danno: un rapporto con la natura e con il panorama diverso da tutto. La proporzione uomo/ambiente è diversa, il tentativo infatti è quello di soffermarsi a raccontare quei momenti di vita pazzeschi della vita d’inverno sulle isole minori, come Capraia, Gorgona e Marettimo, dove non c’è nulla se non il mare, il bar del paese e le poche anime che lo abitano. L’idea è nata soffermandomi su un quadro-puzzle a casa di mia nonna: un puzzle storico della mia famiglia, già usato da mio nonno e i suoi 7 fratelli, smontato e rimontato per passare il tempo quando pioveva e non si poteva andare a pesca: un’epifania sul racconto dell’inquietudine.

Come ti immagini tra dieci anni? Con una famiglia, la mia famiglia.

Intervista di Silvia Sardi

[Credits: federicadigiovanni.com/]

Liquigas_Sportweek_01

un tuffo nel magico mondo della Digioph

Giro_Sportweek_01

un tuffo nel magico mondo della Digioph

04_isoleD'Inverno

un tuffo nel magico mondo della Digioph

04_CampingItalia

un tuffo nel magico mondo della Digioph

08_CampingItalia

un tuffo nel magico mondo della Digioph

02_CampingItalia

un tuffo nel magico mondo della Digioph

30_GiroD'Italia

un tuffo nel magico mondo della Digioph

Il magico mondo di Digioph, talento italiano della fotografia contemporanea

The following two tabs change content below.
Copy lover, copy strategist, copy all. Consulente in comunicazione, sostenitrice del branding e del sistema empatico.

Commenti dalla Rete

Pin It on Pinterest