Attingere dal passato per tracciare gli stili di vita del futuro: ecco la missione di agrAir, che esprime i valori dell’abitare del domani – leggerezza, luminosità, economia delle risorse, dissoluzione dei confini tra interni ed esterni, tra spazi naturali e artificiali – nell’equilibrato confronto tra l’elemento della terra e quello dell’aria.

Ecco l’installazione di PiuArch in Piazza Castello a Milano. Un orto urbano in pieno centro che collega il cuore di Milano al cuore di Brera. Terra, aria, luce e natura in unarchitettura funzionale a garantire il benessere dei cittadini, incentivarne le relazioni sociali e stimolarne la responsabilità e la crescita collettiva. 

L’installazione consta di un livello più basso definito da un’ampia pedana in argilla strutturata su un modulo quadrato di 2,1 x 2,1 m: solcata da attraversamenti pedonali, è quasi interamente occupata da piante aromatiche, alternate a graminacee, che assecondano la logica del modulo di base e si compongono secondo schemi predefiniti, elaborati dal paesaggista Cornelius Gavril.

Parallela alla base un insieme di gonfiabili trasparenti dall’aspetto etereo a forma di prisma trattenuti da fili di nylon che durante il giorno creano riflessi cangianti e di notte si trasformano in lanterne fluttuanti leggere e luminose. 

L’installazione, parte dell’evento Inhabits organizzato dal gruppo editoriale Design Diffusion World e sponsorizzata da Laterlite e Platek, sarà visitabile in piazza Castello a Milano fino a domenica 22 aprile, dalle 10 alle 01. L’Orto tra i Cortili di Piuarch accoglierà una versione satellite di agrAir, sempre nelle stesse giornate (via Palermo 5, dalle 10 alle 19).